"Solomon Nyantakyi soffriva di depressione"

Lo ha detto Cristiano Lucarelli, che allenò il ragazzo nelle giovanili del Parma e alla Cuoiopelli. "Ora sono sconvolto" ha aggiunto il livornese.

@Getty Images

(Sportal.it)

Cristiano Lucarelli, che allenò Solomon Nyantakyi nelle giovanili del Parma, ha parlato con l’Ansa. "Sono senza parole - ha ammesso -: Solomon era un ragazzo pacifico e molto taciturno, non avrebbe mai fatto male a una mosca. Ma ha sofferto di depressione. In un anno, lo sentii parlare due volte. Sapevo dei suoi problemi, e l'ho chiamato in Lega Pro al Cuiopelli un anno fa. Ma dopo quindici giorni di ritiro è voluto andare via, gli mancava la famiglia. E ora sono sconvolto".

Solomon, 21 anni, ha ammesso di avere ucciso martedì la madre Nfum Patience di 43 anni e la sorellina di 11 Magdalene: allontanatosi e datosi alla fuga dopo il delitto il ragazzo era stato rintracciato e fermato dalla polizia a Milano. Per il duplice omicidio avvenuto a Parma si era fin da subito sospettato l’ex calciatore della formazione ducale.

Madre e figlia sono state uccise a coltellate. Solomon era nel giro nella prima squadra ai tempi di Donadoni quando l'attuale tecnico del Bologna era l'allenatore dei crociati nell'anno del crac.

 

(A cura della redazione di Sportal.it)

PHOTOGALLERY

Lo sport piange Parigi

  • Lo sport piange Parigi - Foto 1
  • Lo sport piange Parigi - Foto 2
  • Lo sport piange Parigi - Foto 3
  • Lo sport piange Parigi - Foto 4