Zamparini stronca De Zerbi

"Diventerà un grande allenatore, ma deve crescere" ha detto il presidente del Palermo.

@Getty Images

(Sportal.it)

Incontentabile Maurizio Zamparini. All’indomani della vittoria della speranza del suo Palermo, la seconda stagionale, ancora in trasferta, sul campo del Genoa, che ha rilanciato le quote dei rosanero in chiave salvezza, il presidente dei siciliani ne ha avute per tutto e tutti, a cominciare dal rendimento della difesa della propria squadra, che a Genova ha incassato 3 gol prima di dar vita a un’avventurosa rimonta.

Sono le cose strane che succedono del calcio, mi auguro che gli dei del calcio che ci avevano abbandonato ritornino con noi". Cosi' il presidente del Palermo Maurizio Zamparini intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli all'indomani del rocambolesco successo dei rosanero a Genova. 

"La nostra difesa e' improponibile, purtroppo stiamo pagando gli infortuni di Gonzalez e Rajkovic che dovevano essere i titolari. Ad ogni modo speriamo che da adesso cominci un altro campionato, che gli dei del calcio che ci avevano abbandonato siano tornati con noi visto la rimonta che abbiamo fatto. Il tempo non manca, siamo a 5 punti dall’Empoli che dovremo incontrare all’ultima giornata e c’è tutto il girone di ritorno”.

Artefice del colpaccio di Marassi la forza di volontà di Eugenio Corini, che non si è arreso neppure sul 3-1 per i rossoblù. Zamparini non esagera con i complimenti per il proprio allenatore, preferendo spedire una bonaria frecciata al predecessore Roberto De Zerbi: “Corini ci crede molto e adesso lo fa anche la squadra. A De Zerbi ho dato molta fiducia, penso possa diventare un ottimo allenatore se capisce che serve umiltà e non fondamentalismo”
 

(A cura della redazione di Sportal.it)